D.M. 1 marzo 2019, n. 46

D.M. 1 marzo 2019, n. 46

In vigore dal 22 giugno 2019 il D.M. 1° marzo 2019 n. 46, mediante il quale il Ministero dell’Ambiente ha adottato il Regolamento relativo agli interventi di bonifica, ripristino ambientale e messa in sicurezza (d’emergenza, operativa e permanente) delle aree destinate alla produzione agricola e all’allevamento, ai sensi dell’articolo 241 del decreto legislativo 152/2006 e in conformità al principio comunitario «chi inquina paga», che fa salve le disposizioni vigenti sulla protezione delle acque sotterranee e superficiali dall’inquinamento da fonti puntuali e diffuse.

Precisamente, il D.M. 46/2019 è così strutturato: l’art. 1 disciplina oggetto, finalità e campo di applicazione, l’art. 2 è dedicato alle definizioni, l’art. 3 si occupa delle procedure operative per la caratterizzazione delle aree, l’art. 4 della valutazione di rischio, l’art. 5 disciplina le procedure operative e le modalità per l’attuazione degli interventi, l’art. 6 guarda agli obblighi dei soggetti non responsabili dell’inquinamento e l’art. 7 detta, infine, le disposizioni transitorie.

Fondamentali anche gli allegati, in particolare: con riferimento all’art. 3, l’Allegato I si occupa dei criteri generali per la caratterizzazione delle aree agricole e l’Allegato II delle concentrazioni soglia di contaminazione (CSC) per i suoli delle medesime aree; l’Allegato III, invece, facendo riferimento all’art. 2, delinea i criteri generali per la valutazione di rischio; l’allegato IV, poi, si occupa delle tipologie di intervento applicabili per le aree agricole ai sensi dell’art. 5; da ultimo, l’Allegato V è dedicato agli adempimenti per cittadini ed imprese ai sensi dell’art. 7